La sezione ricerca e sviluppo di Activision ha presentato una nuova tecnologia di rendering dei volti virtuali

Il dipartimento ricerca e sviluppo di Activision ha mostrato alla GDC 2013 le potenzialità di una nuova tecnologia per modellare i volti dei personaggi virtuali. Ovviamente parlando di quest’azienda il primo videogioco che ci viene in mente è Call of Duty e a giudicare dai risultati ottenuti dagli sviluppatori sembra proprio che questa saga potrebbe fare il grande e attesissimo passo verso la prossima generazione, dotandosi di un comparto grafico di tutto rispetto.

L’obbiettivo dell’azienda è di ottenere un nuovo livello di dettaglio sui volti dei protagonisti dei prossimi videogiochi, facendo attenzione a fattori come le imperfezioni della pelle, le rughe d’espressione e i movimenti facciali, volontari e non. Potete giudicare voi stessi guardando il filmato.

Il protagonista del video di Activision è lo stesso personaggio senza capelli mostrato da Nvidia qualche giorno fa, in occasione della presentazione della tecnologia Face Works. Activision ha infatti spiegato di aver usato gli stessi dati sorgente adottati da Nvidia, ma renderizzati usando una tecnologia completamente diversa.

FONTE